cerchiLe tecniche di Aikido si generano nel momento in cui un cerchio, ruotando, ne incontra un altro e lo spirito del cerchio si determina quando il corpo reagisce ai movimenti delle tecniche.
I cerchi sono vuoti. Essere vuoti significa essere libero e senza costrizioni.



Quando un centro si genera nel vuoto esso produce Ki. Lo spirito sta nel centro del vuoto quando il centro è in accordo con l'universo infinito. Lo spirito è la sorgente dell'intero universo, madre dell'eternità.


Con lo spirito nel centro, un cerchio contiene gli elementi capaci di creare numerose tecniche. I cerchi sono pregnanti e densi. Tutte le creature sulla terra possono essere unite fra loro se allevate e protette da cerchi.

chakraUnisci la mente ed il corpo, e procedendo, getterai la base dalla quale originano le tecniche. Queste, poi, fioriranno illimitatamente attraverso il tuo nen, l'insieme dei pensieri, dei sentimenti e dei desideri.
E' superfluo dire che tutte le tecniche (waza) devono essere in armonia con i principi dell'universo e ciò si realizza solo quando tu possiedi il giusto nen, indispensabile per poter accrescere la giusta pratica. Se esso è vincolato con desideri impropri, egoistici, la tua pratica non approderà a nulla. Evidentemente è un sistema perverso, sbagliato. Il nen si muove in continuazione, senza mai fermarsi, quindi dobbiamo affinare i nostri pensieri e sentimenti per acquistare grande vigore ed ottenere così l'unità tra il corpo e la mente.

Dobbiamo recepire (ukeru) il grande principio dell'evolversi dell'universo, sorvegliare e purificare i tre mondi di Ken (il mondo delle apparenze, ovvero questo mondo), di Yu (il mondo dello spirito, ovvero l'aldilà) e di Shin ( il mondo degli Dei). Naturalmente questo grande evolversi dello spirito universale è un evento che non ha fine, e dobbiamo conoscere questa "Sacra Via", le sue origini e quelle del genere umano che poi sono le stesse.

Il vero Aikido non può esistere senza una comprensione di queste relazioni.

giardino zen2

Mi chiedono sovente cosa auguro, cosa vorrei veder realizzato per coloro che studiano l'Aikido. Ecco, spero che tutti sappiano guardare con attenta considerazione al mondo che li circonda e con eguale attenzione sappiano ascoltare quello che dicono gli altri facendo tesoro di quanto di buono c'è nelle parole di ognuno. E spero anche che questo atteggiamento sia per ogni allievo una base da cui ampliare il suo punto di vista. 
Ponete mente al moto dell'universo e fatene fonte di sapere perché solo dopo averne raggiunta una perfetta comprensione si diviene capaci di agire senza esitazioni. Poi, dopo aver agito con immediatezza, bisogna riflettere sull'azione compiuta. Costruite questa sequenza di comprensione/riflessione/azione/riflessione e farete costanti progressi.
Per chi pratica o desidera praticare un'arte marziale è importante farsi partecipe del moto dell'universo così che ogni più attento sguardo ne riveli un profondo segreto.
Ogni cosa ha una voce per chi voglia intenderne il linguaggio.
Osservate, per esempio, una roccia in mezzo ad un fiume. Guardate con quanta destrezza l'acqua fluisce intorno ad essa. Da questo apprendete a regolare i vari spostamenti e movimenti del vostro corpo. Montagne e fiumi, alberi ed ogni cosa sulla terra sono i vostri maestri.
Ci sono alcuni che non amano la religione, e questo accade perché non la capiscono o non la conoscono. Per quanto possiate non amare la religione, è per voi un vantaggio accettare quanto la religione può offrirvi ed assimilarlo nell'arte marziale che praticate.
Quando ascoltate sutre o sacre scritture fatelo con gratitudine. Adattate all'arte marziale i principi che trovate in esse, avendo sempre presente, nel cominciare i vostri studi, il moto e l'armonia delle cose nell'universo. Così, quando leggete sutre o sacre scritture o qualsiasi altra cosa, ponete tutta la vostra abilità nel cercare di assorbire quanto lo scrittore aveva da dire.
Non dovete mai trascurare niente.
Comprensione, riflessione, studio devono essere perseguiti costantemente.
Ricordo una strofa di un canto della religione cui sono stato convertito " In tutto il mondo, nello stesso tempo, fioriscono i fiori di susino ". Il fiore di susino ha cinque petali che fanno pensare ai cinque elementi terra, acqua, fuoco, vento ed aria. Dunque, anche questo piccolo fiore ci insegna qualcosa dell'armonia dell'universo.
Guardando tutte le cose con occhi consapevoli, senza trascurare nulla, tenendo sempre presente nella vostra mente il vario moto delle cose nell'universo, allora la vera essenza, l'anima dell'universo vi si rivelerà.
E' vero che il mondo fu fatto e completato nei Cieli, ma siamo noi che dobbiamo conservarlo. Solo osservando attentamente il moto dell'universo intorno a noi potremo scegliere la giusta via per poterlo custodire.

Io sento che tutti fanno parte della mia stessa famiglia.

Le mie azioni non vanno a solo beneficio della mia famiglia in senso stretto, ma a beneficio di tutti. Agisco in questo modo perché sono convinto che sia importante proteggere ogni persona e ogni cosa. Questo significa che, se si conosce innanzitutto sé stessi, si arriva a capire ogni cosa.
In altre parole, ciò che viene chiamato Sé esiste perché comprende ogni cosa dell'Universo. Dopo aver capito questo diventa possibile rendere manifesto l'innato talento del Sé, aprendo così la via al compimento della propria missione su questa vita.
D'altra parte questo non si raggiunge da soli. Viene raggiunto solamente come risultato dell'intero Universo. É essenziale conoscere il rapporto fra questa e il Sé.
Ciò che viene chiamato Uomo deve capire che non è altro che un "Contenitore di creazione" e che il Sé e l'Universo sono la stessa cosa.

In quanto figli dell'Universo o, come direbbe un religioso, in quanto figli di Dio, dobbiamo dedicarci completamente ai nostri doveri in questo mondo. Questo è necessario per prevenire il disordine nel mondo e rendere possibile la protezionie di ogni cosa. É vitale che noi osserviamo assolutamente questa legge. Inoltre dobbiamo dare vita a tutto ciò che appartiene al creato.

L'Aikido ci mostra la via per l'arricchimento della Forza Vitale dell'Universo e del Grande Ordine, poiché comprende in se il macro-mondo della Forza Vitale dell'Universo e il micro-mondo di ogni cosa vivente.